Atlantide tra cono-scenza ed esoterismo

Trattiamo ora i casi “balenologici” (cioè la scienza delle cose strane) a cui oggi è relegata una parte della vera conoscenza (epistème in greco). Infatti anticamente la distinzione fra mito e scienza (epistème) non aveva senso: erano rami della stessa scienza o conoscenza che dir si voglia chiamata appunto epistéme. Questo significa che quello che noi chiamiamo oggi “mito” per loro era davvero l’origine del mondo, così, quando Platone parla della civiltà di Atlantide nel Timeo (stupendamente raccontata anche dai moderni tra cui Clark Ashton Smith in Atlantide e i mondi perduti o Howard Phillips Lovecraft, ma anche da testi Maya chiamata Atlas) parla di qualcosa di antico ma non impossibile, prima del diluvio universale.

Il diluvio universale (citato anche dagli induisti), infatti, è avvenuto e corrisponde scientificamente a circa 10.000 anni fa: quello che gli scienziati hanno studiato come glaciazione. Di Atlantide, la civiltà antidiluviana, abbiamo davvero pochi reperti che ci possono dire poco ma molti miti che ci possono dire (possibilmente) molto. Infatti che significa fare scienza o esoterismo =conoscenza? : in questo video infatti spiego di cosa mi occupo e come concepisco la scienza, la conoscenza e l’esoterismo, e il mito antico, ecc, ecc :

fell free to comment