“Gli Esordi”, Moresco inventa un nuovo genere?

Inland Empire. Impero interiore.

Gli Esordi di Antonio Moresco sono secondo me l’esplorazione minuziosa delle possibilità interiori, dal monastero da cui il protagonista scappa nella prima parte, denominata Parte del silenzio, fino al lungo viaggio in macchina fino a Slandia, il protagonista in questo sorta di realismo magico, percorre uno spazio concreto, ma in realtà minuziosamente interiore.

Quasi scientificamente ogni luce viene vista e poi deformata, ogni personaggio scappa e ritorna, le cose si muovono vorticosamente da destra a sinistra e poi al contrario, i personaggi fanno metamorfosi e cambiano nome. Non si tarda a pensare che sia in realtà un impero della mente. Non si può a mio parere far finta che a scrivere questo libro sia stato Antonio Moresco, e quindi un essere umano, e quei particolari che sono a mio parere proprio il centro e il senso del libro, siano lì per caso.

Quando parlo di Impero della mente mi riferisco al film Inland Empire che non è comunque forse indispensabile aver visto per capire quello che intendo. [Cmq qui il film: https://amzn.to/35TMVjv Qui gratis su youtube “Blue Velvet sempre di Lycnh: https://youtu.be/Vjl_qrrG5Zk ]
Superfluo anche dire che questo percorso meditativo-iniziatico ricalca eventi realmente vissuti dall’autore Antonio Moresco che infatti è stato in seminario (Parte del silenzio) e ha fatto attività politica extraparlamentare (Parte della storia) e infine ha iniziato la sua avventura letteraria questa preannunciata alla fine degli Esordi e caratterizzante di tutto il secondo libro della trilogia Canti del Caos.

Ogni personaggio scappa e ritorna, come in una lotta d’attenzione, le cose si muovono vorticosamente da destra a sinistra come in una predominanza di uno o l’altro emisfero del cervello. E così via.

Per questo l’ho paragonato a Lynch e in particolare al concetto di Inland Empire, appunto “l’impero della mente”, anche se rispetto a Lynch a una suona personalità bene definita, una penna diversa che indaga più scientificamente e più freddamente la realtà, facendo scaturire fuochi quando scaturiscono automaticamente dalla sua penna, ma senza cercarli nel clamore o sensazionalità, molte pagine sono infatti fredde e aride.

Libri di Moresco: https://amzn.to/2ObyYWK 

Qui il video corrispondete che ho fatto su Moresco: https://youtu.be/6Ksue-_Wv-4

Andando avanti nella denominata Parte della storia. La campagna politica continua per il protagonista in tanti piccoli episodi, alcuni brevissimi e significativi, altri anche troppo lunghi o poco originali.
Tra i primi anche il parto di una cagna (forse la nascita biografica del figlio di Moresco) che precede l’immediata scoperta del protagonista di una nuova spaziosa sede politica.

fell free to comment