La differenza tra fantascienza e occulto (o cosiddetto complottismo)

La fantasia supera la realtà?

Questa la domanda sottesa al mio precedente articolo “Differenza tra fantasy e fantascienza” (forse non per caso il più visto in assoluto del blog). Lì illustravo la differenza tecnica fra quei generi letterari che però, vorrei qui spiegare, generi puramente letterari non sono.

E’ infatti la letteratura ad essere pura astrazione di un’attività umana da sempre praticata del raccontare e poi a volte dello scrivere.

E’ chiaro che se la letteratura è già un’astrazione, figuriamoci la divisione fra generi letterari per questo non ho mai capito bene cosa si intendesse di preciso con la “letteratura di genere”, ma genere di cosa?

Infatti, visti i recenti fatti anche legati al virus, bisogna proprio dirlo: la realtà spesso supera la fantasia.
Gli scrittori fantasy sapevano, o con l’intuizione meditativa tipica degli scrittori o proprio perché grazie alla loro posizione sociale avevano anche fatto parte di dette società segrete (che diremo in seguito) come la Fabian society di cui fece parte Aldous Huxley, irredimibile autore di quell’incubo che è Il mondo Nuovo.

Ancora molti autori, di nuovo ignari o no, seguendo anche il lapalissiano e vero folklore popolare o la Bibbia e favole antiche che non erano tanto poi “favole” parlano di Atlantide, Antartide, guerra dei Poli, terra piana, alcuni dei quali citati anche scientificamente dal libro Il mito polare di Joscelyn Godwin o da René Guénon nel suo Il re del mondo e L’esoterismo di Dante.

Come vedete i titoli non mancano per esplorare più o meno scientificamente questi problemi constatando alcune verità bloccate dalla propaganda e speculando su ipotesi, esperienze dirette per chi ha la fortuna di farle o testi famosi, o per chi non può, accontentandosi della cosiddetta “letteratura di genere”.

Su Atlantide: https://libriindie.com/index.php/2020/05/21/3681/

fell free to comment