Per il Coronavirus prima dimostrazione di Piazza

E’ di queste ore un primo segno di vita di piazza delle persone, che dal balcone e dalle finestre suonano con piatti, fischietti, campanellini, tamburi, per far sentire che sono vivi. Difficile interpretare fino in fondo il significato di questa dimostrazione. La polizia e le autorità che io sappia non sono intervenute in nessun modo, anche se tramite watsapp questa dimostrazione è avvenuta in quasi tutta Italia. Resta da vedere se la gente resisterà fino al 3 aprile e se questa data verrà aumentata. Quale sarà la risposta della gente?

Nelle altre città – apprendo – soprattutto L’inno di Mameli, mentre nella mia città il più profano suono di campanacci e tamburi

Articolo in continuo aggiornamento.

Qui il video che testimonia la dimostrazione nella mia città: https://youtu.be/e5RAdtF61rI

Forse solo ora percepiamo il peso di questa lunga innaturalità che ci era stata propugnata come “il volere dei mercati”, ma chi sono questi mercati sovranazionali?

Nell’autoridurci schiavi della monarchia dell’Hamburger in nome dei mercati forse il nostro governo ci ha voluto fermare evidenziando il periodo di firma del MES? Lo firmeranno?

Intanto scenari apocalittici anche ai supermercati. Scenari fuori da ogni logica. “Divieto assoluto di morire per i vecchi. I giovani si fottano”

Le parole chiave con cui il sistema ci domina pervertendo la natura. E’ questo lo Stato in cui vogliamo vivere? In cui tutto è emergenza? Anche la morte è diventata un’emergenza, ecco la fine e il declino del moderno nell’indistinto postmoderno in cui le decisioni non le prende più il cervello umano, ma la scienza, la politica, i dominatori sui dominati.
Intanto sarà fame o morte per tutti, mentre agli scaffali dei super mercati è sempre più difficile trovare carne e pesce.

Ma cerchiamo di vedere la questione in modo più ampio, tenendo conto di tutto. Non ci sono le libertà personali, la gente non può scendere in strada né in auto per cambiare provincia e nemmeno comune.

La gente si deve riappropriare della strada e del vivere comune altro che stronzate e virus… Ma gli altri anni quanti anziani sono morti con l’influenza? Quest’anno di meno e pure stavano morendo già di cancro? Quindi di cosa sono morti? Ma allora chi c’è dietro? Ma sono io che dico stronzate oppure nel 2017 e 2018 abbiamo gli articoli controfirmati di Repubblica che titola (NEL 2018!!!) “Anno nero dell’influenza”… con percentuali e tutto e le terapie intensive affollate e tutto quello che volete… https://www.youtube.com/watch?v=kVX8GnKpXp0 Allora non so chi ci sia dietro, ma qualcuno c’è.

fell free to comment