Sei giorni di preavviso – Giorgio Scerbanenco

Philip Vaton è un attore famoso, ma al tramonto della sua carriera. Egli riceve un biglietto minatorio annunciante la sua morte, da avvenire esattamente sei giorni dopo. Arriva un secondo biglietto, che aggiunge un particolare. E poi un terzo: a questo punto interviene la polizia. Le ipotesi sull'identità di chi minacci, spaventi - e il perché - si sprecano. Il giorno previsto per l'omicidio si avvicina. Ad appassionarsi alla faccenda è Arthur Jelling.

Philip Vaton, un grande attore ormai sul viale del tramonto, vive barricato in casa con i familiari, terrorizzato da quotidiane minacce di morte che indicano con precisione la data, il luogo e l'ora del suo assassinio. Le indagini sono affidate ad Arthur Jelling, un timido archivista della polizia di Boston con la passione per i dettagli che non tornano e l'ambizione di dare la caccia ai criminali. Il primo romanzo giallo di Giorgio Scerbanenco battezza un personaggio che ha fatto la storia della letteratura: svelto d'intuito come Hercule Poirot e attento alla natura umana come Maigret, Arthur Jelling stringerà il cerchio attorno al colpevole imparando a dubitare di tutti, anche di se stesso.

New Arrivals
Time for action

Arthur Jelling stringerà il cerchio attorno al colpevole imparando a dubitare di tutti, anche di se stesso

Button

Comments section !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Math Captcha
+ 15 = 25